In questo articolo si parla di:
L'editoriale del direttore / Elettrico, condiviso, sostenibile (anzi, responsabile)

Questo il claim che ha accompagnato la prima edizione degli Emoving Days, di cui vi parliamo a seguire. Tre parole “manifesto” (anzi, quattro, dopo ci torniamo) per indicare come si prefigura il futuro della mobilità. Una dimensione verso la quale viaggiamo sempre più velocemente, tanto che talvolta ci pare già di viverla nel presente.

Elementi e valori sui quali si fonda anche il nuovo progetto editoriale di Emoving Magazine, del quale avete tra le mani il primo numero. Come si dice in questi casi, è lecito chiedersi: “C’era proprio bisogno di un altro giornale cartaceo in un’epoca nella quale la gente legge sempre meno ed è abituata a una comunicazione più veloce e immediata, come quella digitale?”.

La risposta è: dipende. Da tanti fattori, diversi e complementari tra loro. Innanzitutto nel caso di un magazine rivolto agli operatori del settore, la risposta per noi è chiara e perentoria: assolutamente sì. Del resto ne sappiamo qualcosa, operando da 20 anni nell’editoria b2b con testate diventate tutte punto di riferimento irrinunciabile per gli addetti ai lavori e non solo. Dall’outdoor al running, dalla moda al settore bici. Molti di voi lettori conoscono, leggono e apprezzano i nostri media. Se siete “nuovi” vi invitiamo a visitare il nostro sito per una visione completa del nostro gruppo e le relative attività (sport-press.it).

Emoving Magazine, peraltro, non vuole essere “solo” un giornale cartaceo ricco di notizie, approfondimenti, dati e inchieste, utile e strategico per tutta la filiera della mobilità elettrica. Nasce come progetto editoriale a tutto campo, nello stile che da sempre contraddistingue i prodotti di Sport Press: può contare quindi su un sito aggiornato quotidianamente; una newsletter settimanale inviata a oltre 30mila contatti profilati. con la selezione del meglio della settimana; sulla presenza attiva sui social network, nello specifico Linkedin (tramite il canale Sport Press) e Instagram, alla pagina @emovingdays.

Già, perché il progetto Emoving è in realtà partito oltre un anno fa, quando abbiamo iniziato a ideare un nuovo evento dedicato alla mobilità elettrica chiamato proprio Emoving Days, che si è svolto il 4-5 settembre scorsi a Milano, nella splendida e iconica location di Citylife. Generando una grande eco nella città di Milano e a livello nazionale, con marchi e ospiti prestigiosi, come vi raccontiamo alle pagine 20, 21 e 22.

Quello che tenete tra le mani e che confidiamo leggerete con interesse è quindi l’insieme e il culmine di tutto questo. Un nuovo modo e modello di interpretare e prefigurare la mobilità del futuro che sarà inevitabilmente sempre più elettrica, condivisa e sostenibile. Anzi responsabile, come dicevamo. Perché la parola sostenibilità è divenuta in certi contesti troppo abusata e “di facciata”. Meglio quindi parlare di approccio responsabile, senza rivendicare – come capita ormai troppo spesso in modo ingiustificato – l’utopia di azioni e prodotti al 100% ecosostenibili. Ma passando per un miglioramento continuo delle proprie azioni e del proprio business nei confronti delle persone e dell’ambiente.

Anche di questo parleremo senza filtri su Emoving Magazine, il cui numero di lancio ha una distribuzione speciale in occasione di Eicma, che torna in presenza e della quale siamo lieti di essere media partner. È inviato in abbonamento gratuito a oltre 10mila operatori del settore suddivisi tra aziende, agenti, punti vendita tra i quali concessionari moto, bike shop, negozi di elettronica. Oltre a una selezione di concessionari auto più sensibili al settore della micromobilità. Che per noi parte dai monopattini e arriva fino alle moto, passando per eBike e cargo bike, scooter elettrici e ogni genere di mezzo alimentato da un motore elettrico. Senza contare l’ampio mondo di accessori e servizi collegati che avranno anch’essi ampio spazio sulle nostre pagine.

Benvenuti a bordo, dunque. Buon viaggio e buona lettura.

Benedetto Sironi – Editoriale Emoving Magazine n° 00/2021

Comments

comments