In questo articolo si parla di:
La collaborazione fra UNASCA e Voi Technology per corsi di guida sicura sui monopattini 3

Dopo due mesi di collaborazione fra UNASCA e Voi Technology, per l’integrazione nei corsi di guida di un modulo aggiuntivo sulla guida sicura dei monopattini, si è tenuto martedì 19 luglio il primo corso pratico degli eScooter nella città di Roma, nei pressi dell’Autoscuola Tiburtina Valeria.

Il modulo di formazione sulla guida dei monopattini elettrici in città è stato già integrato nei corsi di 244 autoscuole italiane, 70 delle quali a Roma, arrivando a interessare circa 2.000 persone, che hanno potuto formarsi e conoscere meglio le regole di circolazione e di parcheggio dei monopattini.

La collaborazione fra UNASCA e Voi Technology per corsi di guida sicura sui monopattini 1

I risultati del test

Prima di usufruire del modulo formativo, ai circa 2.000 corsisti è stato chiesto di partecipare a un test sulla conoscenza delle regole di circolazione e parcheggio dei monopattini in città.

Dai risultati dei test è emerso che:

  • Il 33% non conosce i requisiti che deve avere un monopattino per poter legalmente circolare sulle strade italiane (devono aver ottenuto l’omologazione CE ed essere dotati di frecce direzionali).
  • Il 33% non sa che è illegale circolare in monopattino sui marciapiedi e su qualsiasi tipo di strada urbana (possono muoversi solo sulle strade il cui limite di velocità sia entro i 50 km/h, nelle aree pedonali, ovunque sia consentita la circolazione delle biciclette).
  • Il 31% non sa che può circolare in aree pedonali (pensa che sia vietato).
  • Il 25% non sa che non è consentito parcheggiare i monopattini sui marciapiedi.
  • Un altro 25% di studenti non conosce cosa sia la distanza di frenata dei monopattini.
  • Lo stesso numero di studenti non sa cosa sia il tempo di reazione e che questo aumenta se si guida sotto l’effetto di sostanze alteranti.

A seguito dei test teorici, le autoscuole aderenti hanno fornito ai corsisti il modulo di formazione aggiuntivo che continuerà a essere distribuito da UNASCA per tutto il 2022, con la possibilità di testare le conoscenze acquisite attraverso la prima e unica scuola guida digitale e gratuita Ride Like Voila, sviluppata da Voi Technology.

Non solo teoria

Ma come accade per i corsi finalizzati a ottenere la patente di guida, anche in questo caso è necessario associare alla teoria la pratica. UNASCA e Voi Technology hanno quindi organizzato il primo di una serie di corsi pratici alla guida sicura dei monopattini.

La collaborazione fra UNASCA e Voi Technology per corsi di guida sicura sui monopattini 2

Tenuto dall’Autoscuola Tiburtina Valeria, il corso è stato seguito da un centinaio di persone, di cui alcuni frequentanti i corsi dell’autoscuola, e tanti altri parte della cittadinanza dei Municipi III, IV e V del Comune di Roma. Ogni partecipante ha potuto mettere in pratica quanto appreso durante il modulo teorico a bordo dei monopattini Voi messi a disposizione per l’occasione, con il supporto di insegnanti e tutor presenti durante tutta la durata delle prove.

Per Antonio Datri ed Emilio Patella, presidente e segretario Nazionale UNASCA: ”La micro mobilità è ormai una realtà in molte città e si sta estendendo in tutto il Paese. Nelle autoscuole vogliamo formare i nuovi conducenti sulla ‘convivenza’ delle nuove forme di mobilità e rispetto della vita e libertà di tutti. A tal fine è fondamentale collaborare con tutti gli attori urbani del traffico cittadino, per migliorare la vivibilità delle città a partire da Roma”.

Anche per Magdalena Krenek, general manager Italia di Voi Technology: “Lo sviluppo di una micromobilità che si integri perfettamente nelle nostre città e incentivi all’utilizzo di mobilità in sharing e del trasporto pubblico passa per la guida sicura del mezzo e la conoscenza delle regole. Voi si impegna a portare avanti questo tipo di attività educative, schierandosi al fianco delle istituzioni. Abbiamo scelto il Municipio IV di Roma come prima area in cui organizzare l’evento pratico, coinvolgendo il maggior numero possibile di persone, per stimolare la curiosità e la volontà di adozione di una mobilità differente: più ecosostenibile ed efficiente”.