In questo articolo si parla di:
Commuting: tutte le scelte degli italiani

Un’indagine di InfoJobs ci consente di fare il punto sulle abitudini per recarsi al lavoro. Emerge come il risparmio di tempo sia una delle priorità e come la bici cresca nelle tendenze, anche se ancora indietro rispetto all’auto e mezzi pubblici

Traffico congestionato, ricerca di scorciatoie e lancette che scorrono velocemente: anche per quanti si erano ormai dimenticati la routine del tragitto casa-ufficio nel periodo pandemico, è tempo ora di riaffrontare il tema degli spostamenti. InfoJobs, piattaforma tra i leader in Italia per la ricerca di lavoro online, ha condotto una nuova Indagine Commuting nel maggio 2022 (la prima era stata fatta nel 2019) su quasi 2.000 iscritti alla piattaforma, per raccogliere le abitudini e le modalità di tragitto per recarsi alla propria professione.

I MEZZI USATI PER RECARSI AL LAVORO

La pandemia ha consolidato la scelta di auto o moto per il 77% degli intervistati (stabile rispetto al 2019), che predilige così la mobilità individuale. Con gran distacco segue chi usa i mezzi pubblici (11,4%), mentre bici (4,4%) e monopattino (1,2%) crescono tra le preferenze. Il 73% degli intervistati entro 30 minuti è già indaffarato fra scartoffie e meeting e, fra questi, c’è un 42,1% che effettua gli spostamenti casa-lavoro in massimo 15 minuti. Il 18,1% si trova ad affrontare un tragitto tra i 30 e i 60 minuti, ma solo il 9% impiega più di un’ora. In un confronto con il periodo pre-pandemico nel 2019 i dati restano sostanzialmente invariati, con però un piccolo incremento dal 7% al 9% per il tragitto che richiede più di un’ora. Risulta evidente dall’indagine come lavorare vicino a casa sia ritenuto un vantaggio per la quasi totalità degli intervistati (94,2%).

Commuting: tutte le scelte degli italiani 1

L’IMPATTO DELLO STRESS “DA COMMUTING”

Il 56,5% è indifferente agli ostacoli che può trovare lungo il percorso, perché lo considera parte della routine, e il 27,5% non lo definisce uno stress bensì tempo piacevole da passare fra musica e telefonate prima di tuffarsi in impegni professionali. Il malumore generato dalla durata del tragitto e dai disagi degli spostamenti sembra, infatti, essere diminuito rispetto al periodo pre-pandemico, quando l’impatto negativo coinvolgeva complessivamente circa il 37,5%, mentre ora riguarda il 16,1% del campione.

Commuting: tutte le scelte degli italiani 2

BIKE TO WORK

Nello studio emerge come la bicicletta venga scelta come mezzo di trasporto per il tragitto casa-ufficio solo dal 4,4% delle persone, un dato di per sé contenuto. Le persone sono spinte a recarsi al lavoro in bici in primis per la vicinanza con la sede dell’azienda (35,1%), seguita dai benefici per la salute (25,7%), da un risparmio economico (12,2%), mentre il rispetto per l’ambiente e l’innata passione (entrambe le voci all’8,1%) chiudono la classifica.

A decretare la scelta fra il recarsi al lavoro utilizzando la comodità dell’auto e delle due ruote (bici, ma anche moto) e l’andare a piedi, è anche la stagionalità per il 51,2%: l’inverno frena bruscamente la voglia di recarsi verso la sede di lavoro in sella, mentre la primavera e l’estate motivano il muoversi in città a bordo di un mezzo a due ruote. Per il 29,4% in caso di maltempo è un categorico no agli spostamenti in bici o piedi. Mentre c’è chi, in questo bivio fra quattro o due ruote, vede solo un rettilineo: si va a piedi o in bicicletta sempre, anche contro le avversità metereologiche (19,4%).

di Davide L. Bertagna