In questo articolo si parla di:
Bozza automatica 772

Stellantis e Samsung hanno annunciato di avere siglato un protocollo d’intesa per la realizzazione del secondo stabilimento per la produzione di batterie negli Stati Uniti nel quadro della joint venture StarPlus Energy. Lo stabilimento, il cui avvio della produzione è previsto per il 2027, punta ad avere una capacità produttiva annua iniziale di 34 gigawattora (GWh).

A maggio 2022, Stellantis e Samsung avevano dichiarato il loro impegno per realizzare un primo stabilimento per la produzione di batterie a Kokomo, in Indiana. Il lancio è previsto per il primo trimestre 2025 e lo stabilimento avrà una produzione annua di 33 GWh, superiore rispetto al target iniziale di 23 GWh.

“Questo nuovo stabilimento contribuirà a raggiungere il nostro ambizioso obiettivo di offrire almeno 25 nuovi veicoli elettrici a batteria per il mercato nordamericano entro la fine di questo decennio. Stiamo continuando a incrementare la nostra capacità negli Stati Uniti in collaborazione con il nostro prezioso partner Samsung SDI e stiamo compiendo i prossimi passi per raggiungere l’obiettivo di azzerare le nostre emissioni di carbonio entro il 2038”, ha dichiarato Carlos Tavares, ceo di Stellantis.

“Lo scorso anno, con la creazione della joint venture con Stellantis, abbiamo gettato solide basi per consolidare la nostra presenza in Nord America. Il secondo stabilimento consentirà di accelerare il nostro sviluppo nel mercato statunitense e aiuterà Stellantis a portare avanti la transizione elettrica negli Stati Uniti, fornendo prodotti con i massimi livelli di sicurezza e qualità”, ha sottolineato il presidente e ceo di Samsung Yoon-ho Choi.

Nell’ambito del piano strategico Dare Forward 2030, Stellantis ha annunciato l’obiettivo di raggiungere entro il 2030 il 100% del mix di vendite con veicoli elettrici a batteria (BEV) in Europa e il 50% con autovetture e veicoli commerciali leggeri BEV negli Stati Uniti. Inoltre, l’azienda punta a diventare una realtà a zero emissioni di carbonio in tutti gli ambiti entro il 2038, con una compensazione percentuale a una cifra delle emissioni rimanenti. La sede del nuovo stabilimento è attualmente in corso di valutazione e ulteriori dettagli saranno comunicati in seguito.