In questo articolo si parla di:
atlante comune di ancona

Atlante, la società del Gruppo NHOA (NHOA.PA, già Engie EPS) dedicata alla rete di ricarica rapida e ultra-rapida per veicoli elettrici, annuncia l’aggiudicazione di 26 nuove colonnine di ricarica, alimentate da energia rinnovabile, presso il Comune di Ancona.

Il Comune di Ancona, un’antica realtà portuale situata nella regione delle Marche, ha dimostrato un forte impegno verso una mobilità più sostenibile attraverso molteplici iniziative. Ad esempio, la creazione di piste ciclabili, la promozione dell’uso dei trasporti pubblici e gli investimenti in stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

Alla luce di queste iniziative, Ancona ha ospitato nel 2022 la 15ª Ecoverso R-Ace, una competizione internazionale di veicoli elettrici, mettendo così in risalto l’impegno della città verso la sostenibilità e la mobilità elettrica, sensibilizzando e incoraggiando ancor di più soluzioni di mobilità alternative, sempre nel rispetto dell’ambiente.

Atlante installerà e gestirà 26 nuove colonnine, ovvero 52 innovativi punti di ricarica, alcuni dei quali dotati di pensiline con pannelli solari a copertura degli stalli, contribuendo direttamente alla produzione in loco di energia pulita.

La sinergia tra le pensiline con pannelli solari e i veicoli elettrici crea un sistema bidirezionale in cui il veicolo si ricarica direttamente con energia solare, formando un ciclo completamente rinnovabile e virtuoso e offrendo allo stesso tempo protezione al veicolo durante il processo di ricarica.

Per questa installazione e per altre a venire, Atlante ha sottoscritto ufficialmente un accordo con Estra Energie, azienda con sede a Siena e player attivo nel campo delle soluzioni di ricarica rapida nel Centro Italia.

Estra Energie fa parte del Gruppo Estra, multiutility attiva in particolare nella distribuzione e vendita di gas naturale e nella vendita di energia elettrica, oltre che in altre aree di attività, tra cui la distribuzione di gas metano, telecomunicazioni, gestione del ciclo integrato dei rifiuti, rinnovabili ed efficienza energetica.

L’accordo tra Estra Energie e Atlante ha l’obiettivo di unire la vicinanza al territorio di Estra con la tecnologia di ricarica rapida di Atlante. Infatti, la partnership prevede la valutazione di installazione congiunte di infrastrutture sui territori di Toscana, Umbria, Marche, Molise e Abruzzo.

“Con questo intervento la città si dota di una rete che, integrata con quella dei privati, costituisce un punto di partenza più che ottimo per supportare lo sviluppo di una mobilità sostenibile seria e all’avanguardia”, ha commentato il vicesindaco e assessore alla Mobilità Giovanni Zinni. “Ringrazio molto gli uffici e tutti coloro che con impegno e competenza ogni giorno lavorano per aggiungere tasselli fondamentali alla costruzione di un modo nuovo di pensare la mobilità e la sosta. Tutto questo è indispensabile per favorire il cambio di abitudini ormai improcrastinabile, soprattutto in una città capoluogo, sede dei principali servizi, di uno scalo commerciale internazionale, e quindi snodo strategico di traffico e di passaggi. È con questo tipo di impegno che si costruisce una città green, capace di coniugare efficienza e salute in ogni sua scelta”.

“Questo primo importante risultato” dichiara Francesco Macrì, presidente esecutivo di Estra “è la conferma della positività dell’accordo per entrambe le società, permettendo la valutazione delle opportunità di partecipazione congiunta alle gare pubbliche indette nei suddetti territori per l’installazione delle infrastrutture di ricarica”.

“È un grande onore per noi poter sostenere un comune importante ed eccezionale come Ancona, città di tesori storici, edifici e bellezze marittime, nel suo percorso verso la transizione energetica”, ha commentato Gabriele Tuccillo, ceo di Atlante Italia. “Il contributo di Atlante allo sviluppo della mobilità sostenibile metterà Ancona nella migliore posizione per soddisfare la costante crescente domanda di ricarica rapida per veicoli elettrici, offrendo a tutti, sia cittadini che turisti, una soluzione più sostenibile”.