In questo articolo si parla di:
L’editoriale del Direttore / I fantastici quattro

No, non parliamo di terra (La Cosa), fuoco (La Torcia Umana), aria (Donna invisibile) e acqua (il liquido Mr. Fantastic). Ossia i celebri supereroi dei fumetti Marvel ideati oltre 60 anni fa, protagonisti poi di varie trasposizioni televisive e cinematografiche. Ma ci pare perfetto come titolo di questo editoriale per almeno due motivi.

Innanzitutto sta a indicare gli anni di Emoving Days, evento unico all’interno del panorama della mobilità, in grado di coinvolgere operatori del settore (aziende, pubblica amministrazione, negozianti, associazioni) e pubblico finale in una location suggestiva, moderna e frequentata come quella del quartiere CityLife a Milano. Un format ideato e realizzato proprio dal nostro gruppo, con l’intento di promuovere la cultura delle nuove forme di mobilità. Nella quale i mezzi a batteria saranno comunque sempre più presenti e protagonisti, capofila di una transizione ancora in divenire e non così facile e scontata. Soprattutto nel nostro Paese. Ma dalla quale non si potrà certo prescindere, anche se – come è probabile – emergeranno soluzioni tecnologiche alternative e complementari alla pura propulsione elettrica. E dove il motore endotermico certo non scomparirà (pensiamo soprattutto al settore moto).

Quattro sono anche le tipologie di mezzi principali che animeranno le giornate degli Emoving Days e che più in generale caratterizzano il settore: bici e cargo, scooter, moto, mezzi a quattro ruote (microcar e auto). Abbiamo volutamente lasciato fuori per il momento i monopattini, la cui diffusione e utilizzo in alcune città è dibattuta e problematica (si pensi al caso di Parigi che ha addirittura vietato con un referendum quelli elettrici in sharing dal 1° settembre 2023).

Partiamo proprio dalle eBike, la cui diffusione negli ultimi tempi è stata notevole e ininterrotta. Fino a giungere nel 2023 in Germania, per esempio, per la prima volta al sorpasso nelle vendite di biciclette elettriche rispetto a quelle tradizionali: 2,1 milioni contro 1,9 milioni. Con un valore pari a 7,06 miliardi di euro (comunque in calo, come era prevedibile, rispetto ai 7,36 miliardi del 2022). Se guardiamo all’Italia, come sappiamo, i numeri sono ben diversi, ma la tendenza degli ultimi anni è sempre stata positiva, con una quota di mercato aumentata al 19% nel 2022, con oltre 370.000 bici a pedalata assistita su un totale di 1.772.000 vendute. In attesa dei dati 2023 che saranno svelati da Ancma proprio nella giornata introduttiva degli Emoving Days.

Una delle sfide del concept del nostro evento è stata proprio quella di far convivere sotto lo stesso tetto sostanziale e filosofico differenti tipologie di mezzi, per tanti anni distanti e anzi quasi “in conflitto” tra loro per la conquista delle strade e degli spazi, urbani e non solo. Peraltro non senza ragione, se analizziamo le cattive abitudini che ancora una parte di cittadini ha nei propri spostamenti, viziati spesso da un utilizzo ancora eccessivo e magari ingiustificato dell’auto anche per brevi percorrenze e senza minimamente considerare l’utilizzo di mezzi alternativi, che siano propri o pubblici.

Queste abitudini non hanno certo favorito un’armonica e pacifica convivenza tra le tipologie di mezzi. Ma intravediamo proprio nell’orizzonte elettrico una possibile convergenza e unione di intenti. Anche per rendere le nostre città più silenziose e meno inquinate, che sarebbe già una gran cosa. È indubbio, inoltre, che la potenza mediatica dei brand automotive sia decisamente maggiore rispetto a quella degli altri settori e – se ben convogliata – possa favorire una sempre migliore consapevolezza e cultura sull’utilizzo dei mezzi elettrici in generale. Siano essi con una, due, tre o quattro ruote. O magari senza averne neppure una attaccata alla strada, in futuribili ma non così improbabili scenari tra mezzi elettrici sospesi o volanti a disposizione di tutti (o quasi). Ma per questo, forse, vi daremo appuntamento più probabilmente alla… 40esima edizione degli Emoving Days.


Benedetto Sironi
benedetto.sironi@mag-net.it