In questo articolo si parla di:
dkv mobility

Quali sono le opportunità da cogliere e le sfide da affrontare per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione, decongestione e sicurezza che consentano di realizzare una mobilità del futuro sostenibile ed efficiente? Come garantirne una più equa e accessibile per tutti? A questi e ad altri quesiti cercheranno di rispondere i numerosi ricercatori riuniti venerdì 28 giugno dalle ore 10 presso il Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa in occasione di “Inspiration Day – MOST People are Moving”. Il MOST, finanziato dal MUR, è una piattaforma strategica per affrontare alcune delle sfide più stringenti nel settore dei trasporti. La giornata in programma si configura come un’opportunità per fare rete, riconoscendo che il futuro della mobilità dipende da competenze e conoscenze condivise, e soprattutto da una cultura alimentata dall’intelligenza collettiva.

Bozza automatica 1060

L’iniziativa ha l’obiettivo di stimolare una partecipazione attiva dei presenti ed elaborare un documento strategico condiviso che possa guidare le future iniziative. “L’Inspiration Day è uno speciale evento pensato per creare una community solida e coesa che rafforzi la collaborazione tra il mondo accademico e l’industria. Crediamo fermamente nel valore del coinvolgimento di ricercatori provenienti da tutta Italia, e siamo convinti che solo attraverso un impegno collettivo e una partecipazione sinergica possiamo affrontare con successo le sfide che ci attendono”, ha affermato Gianmarco Montanari direttore generale MOST. “Questo incontro è un’opportunità unica per stimolare nuove idee e collaborazioni, confrontare opinioni e partecipare attivamente a un dialogo costruttivo, con l’obiettivo di tracciare un percorso verso un futuro della mobilità più sostenibile ed efficiente. Nel MOST sono oggi coinvolti oltre 400 ricercatori provenienti da 49 grandi organizzazioni presenti in tutta la Penisola. Avranno l’occasione di incontrarsi face to face per la prima volta e rafforzare un network di giovani cervelli senza precedenti”.

Prossimità, collaborazione, partecipazione e condivisione sono i driver abilitanti per una mobilità a emissioni zero e per l’efficienza dei servizi. “C’è la necessità di un veloce cambio di paradigma verso una maggiore democrazia per ridurre i conflitti tra le persone e le merci che si spostano lungo le stesse infrastrutture”, ha aggiunto Paola Cossu ceo FIT Consulting srl. “Occorre superare ogni meccanismo che prevede barriere o confini, verso una visione virtuosa sistemica di nodi e reti. È necessario abilitare sistemi di condivisione dei dati e una maggiore consapevolezza sugli impatti dell’eCommerce. I cittadini devono essere coinvolti in un approccio partecipativo, responsabile, sostenibile e trasparente, con informazioni sugli impatti della logistica del capriccio”.