In questo articolo si parla di:

“Let nature do the work”. È questo il claim di Solar Retrofit, realtà attiva da anni nel settore del fotovoltaico. Sfruttando sempre l’energia del sole, ha deciso di spingersi anche nel campo delle eBike e della mobilità elettrica e ora guarda con grande interesse al mercato europeo

di Davide L. Bertagna


Quante volte negli ultimi anni abbiamo sentito parlare di nuove sfide per la mobilità? Tante, forse a volte troppe. Ciò che è certo è che nel momento storico attuale tutti si sono accorti che è fondamentale provare a cambiare il modo di muoversi. Uno dei macro obiettivi di classi dirigenti, comuni, aziende, privati, associazioni in questi anni è stato quello di tentare di trasformare gli spostamenti, all’insegna della sostenibilità ambientale e dell’efficienza energetica, riducendo al minimo le emissioni di gas serra e ottimizzando l’impatto sia in termini sociali che economici. Nell’ultimo lustro sono nate tante realtà che hanno provato a presentare la propria idea di mobilità 2.0. In quest’ottica rientra anche Solar Retrofit, con sede a Locarno – Muralto (Svizzera) e a Verbania, realtà attiva da anni nel mondo del fotovoltaico, che nel 2021 ha deciso di sviluppare e realizzare delle pensiline dove ricaricare le eBike. Per conoscere meglio l’azienda abbiamo intervistato Emanuele Lanteri, amministratore Solar Retrofit, che ci ha spiegato le peculiarità dei loro prodotti, le sfide e le prospettive future e le partnership siglate con altri operatori della bike industry.

Solar Retrofit è un’azienda attiva da oltre 10 anni nel settore del fotovoltaico. Quando avete deciso di spingervi sul mercato delle eBike e con quale esigenza?
Abbiamo valutato circa tre anni fa l’ipotesi di realizzare una pensilina per le biciclette a pedalata assistita. Abbiamo collaborato con vari architetti e abbiamo stabilito che la soluzione secondo noi più flessibile era quella di fare una struttura per la ricarica delle eBike collegata al fotovoltaico, in modo da coniugare la coerenza della mobilità sostenibile con la fonte solare. Siamo quindi partiti con il progetto nel 2021, abbiamo realizzato vari prototipi e da agosto del 2023 siamo operativi sul mercato.

Quali sono i vostri mercati di riferimento in questo momento oltre alla Svizzera?
L’obiettivo è quello di vendere in tutta Europa. Il settore è più ampio di quello che immaginiamo. Abbiamo venduto ad aziende che consentono a clienti e fornitori di recarsi sul luogo di lavoro in bici, così come ai comuni che hanno deciso di investire sulle piste ciclabili e sull’arredo urbano. La nostra utenza però è molto ampia: possono essere interessati ai nostri prodotti i bike store o le grandi catene alimentari. Stiamo valutando il mercato delle multi utility e della grande distribuzione. In questo momento siamo attivi in Italia e Svizzera, anche se l’obiettivo è quello di raggiungere Germania, Austria, Spagna e Francia. Ci interessa anche tutto il nord Europa dove la bicicletta è molto utilizzata, in particolare Copenaghen che è diventato un case study virtuoso che viene utilizzato come termine di paragone nel resto del mondo. Lì la mobilità è completamente diversa perché le pubbliche amministrazioni hanno spinto in quella direzione. Riteniamo che in Italia, per far sì che il settore esplodi in modo definitivo, si debba investire in stazioni di ricarica o in hub dove riparare la bici in caso di inconvenienti mentre si pedala.

A chi vi siete rivolti nello sviluppo della gamma?
I nostri prodotti si caratterizzano per stile e qualità di costruzione. Sono stati progettati e disegnati da Frank Ruga, un designer molto giovane, maestro di sci e appassionato di sport a 360 gradi.

Come è composta la vostra prima linea di prodotti?
I nostri prodotti si contraddistinguono per il fatto di essere in acciaio inox elettrolucidato anti-graffio, perché riteniamo che un modello progettato per rimanere all’esterno 24 ore al giorno, in estate e in inverno, per diversi anni, debba avere delle caratteristiche di resistenza e solidità inattaccabili. Attualmente il nostro prodotto di punta è SOLAR E-CHARGER disponibile in due declinazioni:
• Connesso alla rete (versione plug&play)
• Non connesso alla rete (versione stand alone)
Nel primo l’energia non autoconsumata viene immessa in rete e remunerata in modalità “scambio sul posto”. Si tratta di un prodotto ideale per aree pubbliche, parcheggi, supermercati, alberghi e condomini. La seconda versione è dotata di una power station Bluetti integrata (potenza 2.4 kW e voltaggio 230 V) ed è perfetta per zone isolate e senza elettricità come rifugi, alpeggi, parchi e piste ciclabili. Un’altra caratteristica essenziale di SOLAR E-CHARGER è che le rastrelliere sono dotate con dei caricabatteria originali di Bosch, Shimano e Yamaha. È importante ricordare che ogni produttore ha un charger con un suo connettore. In questo modo garantiamo che la ricarica venga fatta nel modo corretto, senza che si possano arrecare danni alla batteria e di conseguenza anche all’eBike. Abbiamo poi sviluppato una rastrelliera con cinque postazioni, in due versioni: una con e una senza prese di ricarica. Abbiamo deciso di dotarla con tool e strumenti per la manutenzione delle bici (cacciaviti, brugole, una pompa per il gonfiaggio degli pneumatici).

Avete già attivato qualche partnership con realtà che operano nella bike industry?
Abbiamo siglato partnership con Yamaha, Bluetti (per quanto riguarda le power station) e con Officine Parolin, un accordo a cui teniamo molto perché riteniamo che sviluppino le rastrelliere più comode e robuste sul mercato. Collaboriamo inoltre con Bike Facilities e SolareOO, rivenditori nel segmento dei sistemi di ricarica di eBike. Un altro aspetto importante della nostra gamma è, che attraverso la collaborazione con Sun Speaker, abbiamo la possibilità di “logare” il modulo fotovoltaico. In questo modo il nostro sistema può diventare un veicolo pubblicitario per aziende o pubbliche amministrazioni. Stiamo cercando comunque altri possibili rivenditori dei nostri prodotti per aumentare le vendite b2b.

Quali sono le vostre prospettive nei prossimi tre-cinque anni?
Sinceramente la nostra intenzione non è quella di vendere milioni di pezzi. Il nostro obiettivo è quello di crescere sui mercati europei e incominciare ad avere una rete commerciale soddisfacente. Partendo dalla nostra prima linea di prodotti vorremmo sviluppare altri strumenti, che riescano sempre a unire il fotovoltaico alla mobilità elettrica e sostenibile.


SOLAR E-CHARGER

NON CONNESSO ALLA RETE (VERSIONE STAND ALONE)

  • CARICABATTERIE INTEGRATO
    Non è necessario avere il proprio caricabatterie in quanto ogni postazione è predisposta con quelli originali.
  • POWER STATION INTEGRATA
    Potenza: 2.4 kW
    Capacità: 2 kWh
    Voltaggio: 230 V
    Batterie: litio fosfato

CONNESSO ALLA RETE (VERSIONE PLUG&PLAY)

L’energia elettrica non autoconsumata viene immessa in rete e remunerata in modalità “scambio sul posto”.

  • CARICABATTERIE INTEGRATO
    Non è quindi necessario avere il proprio caricabatterie in quanto ogni postazione è predisposta con quelli originali.
  • È possibile ricaricare quattro eBike contemporaneamente.
  • Inverter certificato Norma CEI 0-21
  • Struttura in acciaio inox AISI 304 resistente alla corrosione
  • Ideale per aree pubbliche, parcheggi, supermercati, alberghi, scuole, condomini
  • Peso: 100 kg


SOLAR BIKE PARKING

VERSIONE CON PRESE ELETTRICHE

  • Struttura in acciaio inox elettrolucidato
  • Cinque postazioni
  • Cinque prese elettriche 230 V
  • Rastrelliere Stabilus di Officine Parolin

VERSIONE SENZA PRESE ELETTRICHE

  • Struttura in acciaio inox elettrolucidato
  • Cinque postazioni
  • Rastrelliere Stabilus di Officine Parolin


“LET NATURE DO THE WORK”

Solar Retrofit is a Swiss entity with many years’ experience in the world of photovoltaics and that, in 2021, has decided to create eBike-charging platforms. Emanuele Lanteri, ceo of Solar Retrofit, explained that the main characteristic of the products is that they are in electropolished scratch-resistant stainless steel, ideal for staying outdoor 24 hours a day, winter and summer, for several years. At the moment, the top product is the Solar E-Charger, available in two versions:
• Connected to the Plug&Play, network version
• Not connected to the network, standalone version
In the first one, non-self-consumed electricity is fed into the grid and remunerated in “on-site exchange” mode. It’s the ideal product for public areas, parkings, supermarkets, hotels and condominiums. The second version is perfect for isolated areas with no electricity such as lodges, parks and cycle tracks. Moreover, the Swiss brand has developed a rack (equipped with bike maintenance tools) with five spots in two versions: with and without charging sockets.
The Swiss company signed partnerships with Yamaha, Bluetti (especially regarding power stations) and Officine Parolin, which develop the most comfortable and solid racks on the market. Another important feature of the range is that, through collaboration with Sun Speaker, it’s possible to put a logo on the photovoltaic module. In this way, the Solar Retrofit system can become an advertising vehicle for companies or public administrations. However, the Swiss company is always looking for other possible dealers to increase b2b sales.


Solar Retrofit SAGL – info@solar-retrofit.ch – +41 (0)91 7519641